ELETTROSTIMOLAZIONE - Centro Fisioterapico Canavesano - Leinì - Torino

ELETTROSTIMOLAZIONE

Share |

L’elettroterapia è il ramo della fisioterapia che utilizza gli effetti biologici delle correnti elettriche. Si attua sottoponendo un limitato distretto somatico al passaggio di correnti elettriche con vari parametri quali tipo d’impulso, frequenza, durata,  intensità e latenza, a seconda dell’obiettivo che si vuole ottenere. Il campo magnetico che si crea tra gli elettrodi applicati è in grado di raggiungere le placche motrici del muscolo, stimolandole e producendo così una contrazione. L’elettroterapia può essere utilizzata con fini di prevenzione o riabilitazione (TENS) o per l’allenamento e potenziamento muscolare (EMS)

Elettrostimolazione TENS

L’elettrostimolazione tipo TENS è utilizzata in fisioterapia con finalità antalgiche, ovvero come terapia del dolore per trattare problemi cronici ed acuti, anche post operatori o post traumatici.

Consiste nell'applicazione sulla cute di lievi impulsi elettrici, che attivano fibre nervose di grosso diametro riducendo la percezione del dolore. L'effetto antalgico della TENS è quindi da attribuire all'inibizione delle afferenze nervose coinvolte nella trasmissione nocicettiva (teoria del controllo a cancello o del gate control).

Questo tipo di elettrostimolazione si divide in convenzionale ed endorfinica:

  • TENS convenzionale o rapida: agisce velocemente e direttamente sul sintomo doloroso, inducendo un blocco del dolore;
  • TENS endorfinica o ritardata: permette di aumentare la produzione di sostanze che alzano la percezione del dolore e dà effetti antalgici dopo circa 2 ore dalla fine dell’applicazione effettuata.

Elettrostimolazione EMS

L’elettrostimolazione tipo EMS (stimolazione elettrica muscolare) può essere utilizzata in fisioterapia come forma di riabilitazione, ma viene anche usata come complemento nell’attività sportiva. In riabilitazione si può utilizzare per migliorare il tono e il trofismo muscolare sia in seguito ad un trauma che ha comportato un periodo di immobilizzazione, sia per velocizzare la ripresa nella fase post-acuta. In ambito sportivo l’elettrostimolazione è ampiamente utilizzata dagli atleti per migliorare il proprio tono muscolare e per completare la preparazione atletica; questa metodica, infatti, favorisce un aumento della potenza della fibra muscolare, tutela il sistema muscolo-tendineo e defatica il muscolo al termine dello sforzo.

Riepilogando, se gli impulsi tipo TENS agiscono a livello cutaneo e sui nervi sensori, gli impulsi elettrici tipo EMS, invece, agiscono direttamente sui muscoli e sui nervi motori.

Le controindicazioni principali all’uso dell’elettroterapia sono:

  • portatori di pacemaker;
  • gestanti;
  • pazienti affetti da neoplasie;
  • pazienti affetti da epilessia;
  • ferite aperte.

Per informazioni e prenotazioni visite
COMPILA IL FORM